• Accreditato da
  • Partner
  • Con la sponsorizzazione non condizionante di

Presentazione

La malattia ipertensiva rappresenta in Italia il più rilevante fattore di rischio per infarto miocardico e/o cerebrale (prime due cause di morte nella nostra penisola), scompenso cardiaco, insufficienza renale cronica e/o fibrillazione atriale. Più del 30% della popolazione italiana adulta è affetta da ipertensione arteriosa, con percentuali ampiamente superiori nelle fasce più avanzate di età e quasi il 10% tra bambini ed adolescenti che risultano già ipertesi. Sebbene nella maggior parte dei casi l’ipertensione arteriosa risulti controllata dalla terapia, circa il 35% degli italiani ipertesi presenta – malgrado la terapia – valori pressori superiori alla norma. Almeno il 30% degli italiani, inoltre, sono ipertesi, ma ignorano del tutto di esserlo. Come indicato dai dati OSMED,  aderenza e persistenza in terapia antiipertensiva rappresentano un problema nel problema: di 100 compresse di farmaco antiipertensivo, con ampie differenze tra differenti classi di farmaci, come pure tra farmaci in combinazione fissa oppure estemporanea,  i pazienti italiani ne assumono mediamente 60-70.  Se questo problema non sussistesse, comunque resterebbe un 10% circa di pazienti ipertesi incontrollabili con la terapia medica ottimale. Per questo, è fondamentale imparare a conoscere non solo come si misura la pressione arteriosa, si stadia il rischio cardiovascolare e si disegna la migliore strategia terapeutica, bensì – anzi soprattutto – come si valuta il danno d’organo, si interviene per impedirne la progressione e, infine, si raffina la terapia per ridurre al minimo possibile la resistenza dell'ipertensione arteriosa nei confronti della terapia. Pertanto, scopo di questo progetto educazionale è identificare il percorso corretto che possa condurre al migliore trattamento dell'ipertensione arteriosa, dalle modificazioni dello stile di vita alle strategie farmacologiche fino, nei casi indicati, alle procedure interventistiche miranti alla denervazione renale. 

Programma

Informazioni

Obiettivo formativo

3 - Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza - profili di cura

Procedure di valutazione

Firma di presenza, compilazione questionario 

Metodi di insegnamento

Serie di relazioni su tema preordinato, presentazioni di problemi/casi clinici in seduta plenaria (non a piccoli gruppi)

Lingua

Italiano

Responsabili

Responsabile Scientifico

  • CF
    Prof. Claudio Ferri
    Direttore della divisione di Medicina Interna e Nefrologia, Università dell'Aquila - Ospedale San Salvatore

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Cardiologia
  • Medicina interna
  • Nefrologia

Infermiere

  • Infermiere

Tecnico sanitario di radiologia medica

  • Tecnico sanitario di radiologia medica
leggi tutto leggi meno

Localizzazione